Rastrellamenti

rakessong.jpgPer dovere non solo di cronaca, ma anche di giustizia divina, è venuto il momento di spezzare due rastrelli in favore del nuovo singolo dei Decemberists: “The Rake’s Song” (e la battuta delle mancate frecce è già bellissima!). Dopo aver ben parlato del sempre amorevole John Frusciante e dei pop-lisergici Royksopp, è giusto venuto il tempo di approfondire il miglior singolo di questo 2009. E ok che è passato nemmeno un mese, ma è di sicuro il miglior pezzo di lancio tra quelli sentiti finora (U2 – “Get On Your Boots”, Franz Ferdinand – “Ulysses”, i Royksopp di cui sopra con “Happy Up Here”, Morrissey – qualunque sia il pezzo dei dieci già presentati). “The Rake’s Song” è la perfetta canzone dei Decemberists: con un incedere marziale di batteria, la chitarra che lavora noiosamente ed efficacemente nel sottofondo, arrangiamenti che da semplici si fanno ricchi e un’atmosfera ineguagliabile, con la voce del Colin-sempre-più krapfen a narrare di matrimoni infelici, figli, parti complicati e omicidi in famiglia. Il tutto dal punto di vista del rastrello, ovvio.
“The Rake’s Song”, singolo peraltro graziato da una splendida copertina, farà parte di “The Hazards of Love”, il quinto lavoro in studio del gruppo di Portland, in uscita il 24 marzo prossimo. Amore e baci con la lingua a chiunque ci abbia sudato sopra.

N.B. cliccando sul nome cliccabile della canzone si arriva, come per gorilla magilla, alla pagina da cui scaricare la canzone in eterna gratitudine. Nel senso che è agratise.

Rastrellamentiultima modifica: 2009-01-25T02:19:39+01:00da glassgc
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento