Mind your step

Il Liverpool John Lennon Airport è un gran bell’aereoporto, non poteva essere altrimenti. E’ un piccolo gran bell’aereoporto, solo non avvicinatevi al baretto O’ Brien, o qualcosa del genere. Tralasciando i soliti caffé americani e caffé espressi che invece sono espressi quanto un interregionale, il problema vero sono le brioche. Proposte in due varianti (Morte Chiara, Annientamento Scuro), sono entrambe … Continua a leggere

Liverpenny Lane

La crisi delle menti pensanti in Italia mi ha costretto ha un volo che ha dell’idiota anche se ci appiccichi sopra tutta la bontà gratuita del mondo. Sveglia alle 3 (am), autobus per Malpensa in Stazione Centrale alle 4.15 (am), arrivo a Malpensa (VA) alle 5.05 (am). Pausa. Arrivo ad Amsterdam (sì, quella in Olanda) alle 8 (am) circa. Ritardo … Continua a leggere

Momento sinossi

Un sacco di giorni da recuperare e post non fatti, eventi organizzati e feste passate, vacanze celebrate e posti lavorativi inauguarati lontani dalla zona lecchese. Ma soprattutto: sono qua la domenica con il mal di schiena da pulizie primaverili, che se non è indice questo di mesta maturità delle ossa, non so cos’altro possa esserlo. Affidandosi al sempiterno amore dell’ordine … Continua a leggere

Tartamutande

(TMNT) New York l’ho vista per tipo qualche ora. Poche ore. Giusto alcune, nulla di che. A Los Angeles sono stato settimane intere per anni, e anche questa volta gli unici due giorni di totale fannullismo sono stati spesi malamente nel sole californiano. Ma New York? Solo poche ore. Sufficienti per capire che Virgin poteva fallire anche lì, che il … Continua a leggere

Sunset Boulevard

“Sono una missionaria, la più oscura delle signore, il sapore che ti si ferma sulla lingua. Sono Darth Vader, so ciò di cui son fatta, perché nasco nel sole. Nel sole. Mi stai cercando, ma non sono quel che cerchi, colpa della mia personalità distorta. Sei una crociata, la più oscura signora, mi piace il sapore della tua lingua. Sei … Continua a leggere

Sei mesi dopo

Gioite, o’ pochi sostenitori del vituperato numero 18 bianconero. Alla faccia vostra, odiosi berciatori, inutili e avvelenati tiratori verso il basso del solo, unico, irraggiungibile Christian Ciccio Poulsen. Sei mesi dopo, non ci sono più dubbi: è lui la Juventus. Anzi, è lui alla Juventus. Se arriverà una coppettina (variegato amarena, se possibile), se si strapperà un qualcosa alla fine … Continua a leggere

Notizie da maggio

La lobby del Delfina Sheraton (Los Angeles) ha i suoi perché: non nelle luci soffuse à la Abercrombie (o come si scrive), ma nelle poltrone spaparanzose, nell’internet gratuito (che comunque va a costituire un clamoroso punto negativo nel momento in cui è a pagamento in stanza) e nella selezione musicale. Terzo giorno da queste parti e terzo giorno di Royksopp, … Continua a leggere

Coast to coast

Non c’è il Kentucky, ma il Wisconsin: la fonte si confuse. Sono arrivati i dettagli sul viaggio Activision che proporrà tappe da una costa all’altra: dai Queens of the Stone Age agli Strokes, che tanto sono morti ma fa nulla. Partenza il 29 gennaio da Malpensa, alle 10 e mezza, con sbarco momentaneo nella terra della testata (“1 a 1! … Continua a leggere

Va lentino

Quando ero alle elementari qualcuno aveva un quaderno piccolo, ad anelli, con una bella lumaca in copertina: “Va… lentino!”. Le matte risate che mi ci son fatto sopra. Comunque: dopo un anno e mezzo dall’arrivo in zona cascinale osnaghese ho finalmente portato a termine uno degli obiettivi base per cui era stato cercato&trovato il trilocale. In effetti no, manca ancora … Continua a leggere